10 Episodio | Amuleti Spy Jewels Story

10 episodio

 

"Ci pensò a lungo… poi con un sospiro che lasciava trasparire tutto, senza dire nulla, scelse l’abito che avrebbe indossato tra meno di tre ore.
Un abito che Azedine in persona le aveva regalato, quel giorno che si erano conosciuti nell’atelier del sarto, nell'appartamento in rue de Bellechasse, sulla Rive Gauche ed avevano siglato, davanti ad un cafè à la creme, la loro amicizia, che tuttora durava.

Rosso, come la passione. Rosso come il sangue. Rosso come l’emozione che, suo malgrado, le cresceva dentro via via che i minuti passavano e che l’avvicinavano a quell’incontro. Un colore che le era risultato “fortunato” in molteplici occasioni della vita e che, indubbiamente, avrebbe attirato su di sé l’attenzione di Vincent.

Per nascondere la pistola aveva bisogno di una borsetta non troppo piccola e non troppo morbida e pensò che l’ “Aurora” - che compariva su tutte le riviste del momento come oggetto iconico e che lei possedeva in serie limitata decorata a mano all’elegante stilista di Via Margutta - avrebbe attirato gli sguardi delle signore invidiose, distogliendo, tuttavia, dal contenuto non proprio usuale.
Poi, indossò una vistosa collana, che per l’occasione aveva commissionato alla bottega orafa parthenopea sul lungomare, davanti alla quale spesso si fermava ad ammirare oggetti strepitosi. L’aveva voluta di turchese, dall’azzurro accecante, affinchè facesse risaltare, per contrasto, la sua chioma ramata che quella sera aveva lasciato sciolta.

Si guardò un’ultima volta prima di rivolgere un cenno del capo a Naes - che la guardava con la coda dell’occhio, stesa sul divano, mentre fingeva di essere totalmente interessata ad un articolo di cucina asiatica - e si avviò alla porta. Una jaguar nera lucidissima l’attendeva con Giorgio, l’autista, alla guida.

La villa luccicava, già vista dai giardini pensili, di mille candele e lanterne arancioni, decine di camerieri in livrea si affaccendavano ad offrire champagne e canapè, le signore dell’alta società porgevano la mano con un sorriso annoiato al malcapitato di turno che provava ad intavolare una conversazione, gli uomini discutevano tra loro sfoggiando sorrisi di circostanza. La grande scala di marmo che troneggiava al centro della sala, era stata addobbata con fiori carnosi color ghiacchio ed enormi candelabri da terra con braccia d’argento, la musica dell’orchestra risuonava felpata e nient’affatto assordante… fuori dalla grande vetrata con vista spettacolare su tutto il Golfo, da Sorrento a Capri, un tramonto ceruleo cedeva il passo all’imbrunire della sera.

Di Vincent, però, nemmeno l’ombra ed era già passata più di mezz’ora.
Poi d’un tratto, accanto alla finestra a volta che dava sul terrazzo, iniziò a crearsi un capannello di persone, tutti iniziarono a dirigersi in quella direzione incuriositi dall’assembramento, mentre il cielo sulla villa, tutto d’un tratto, si accese di mille fuochi dorati. Nel giro di pochi minuti la sala enorme fu quasi svuotata.

Dana prese un calice dal vassoio di un cameriere, che non le aveva tolto neppure un attimo gli occhi da dosso e fece per avviarsi alla terrazza, mentre la sala, ormai quasi deserta, si apriva totalmente al suo passaggio.

Poi fu un attimo …. un soffio impercettibile, una sensazione più interiore che reale, che la fece voltare un’ultima volta a guardare la scala di marmo maestosa e perfetta, nell’attimo esatto in cui Vincent, in un elegantissimo smoking, affrettava il passo sugli ultimi gradini, sollevando in quel preciso istante lo sguardo verso la sala.

Rimasero così, per una frazione di secondi che sembrò durare ore, guardandosi negli occhi senza credere ai loro stessi occhi, come accade in quelle circostanze, inspiegabili a parole anche per il migliore romanziere, nelle quali sembra che la vita si richiuda in un cerchio, dove l’inizio e la fine si incontrano senza che sia più possibile avere la percezione esatta di quando è finito l’uno e iniziata l’altra….” Continua

GIOIELLI SENTIERI PREZIOSI F/W 2015-2016. Esclusiva collana di Turchese marmorizzato naturale, monete e corallo rosso. Sentieri Preziosi design con la realizzazione di Ciro Ottiero Gioielli. Borsa: Modello Aurora della Signora Romana Busani con dipinto a mano della stilista romana di gioielli e artista Alex Carelli.
Protagoniste: Daniela Petrone
PHP: Marco D'Antonio
Location: Villa Signorini Ercolano - Events & Hotel.
Tutti i diritti riservati

Next Arrow.svg

watch video

NOTA! I cookies ci aiutano a fornire i nostri servizi. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'.

Proseguendo con la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies.